Gattò di ceci 

Standard

Ingredienti

150 gr di ceci 

Erbette aromatiche

Sale integrale q.b.

Curcuma

Paprika affumicata

2 cucchiai (30 gr) olio evo

Farina di mais fioretto “Ki” q.b.

80 gr (4 fette preconfezionate) formaggio veg filante “Violife”

2 cucchiai (30 gr) di nocciole tritate

PROCEDIMENTO:

Mettete in ammollo per almeno 12 ore 150 gr di ceci secchi. Cambiate l’acqua 2-3 volte, l’ultima volta aggiungete un pezzetto di alga kombu per renderli più digeribili.

Mettete i ceci in una pentola a pressione con acqua pari a 3 volte il loro volume e da quando fischia fate bollire 20 min. Spegnete il fornello e lasciateli lì dentro a continuare la cottura da soli per almeno un pomeriggio.

Scolate i ceci, conservate l’acqua di cottura per fare meringhe o soufflé.

Frullate i ceci e metteteli a riposare in frigo per una notte.

Il giorno dopo tirateli fuori dal frigo e, come per i cordon bleu di cicerchie, dividete l’impasto in due parti.

Una parte conditela con sale alle spezie e timo, volendo potete aggiungere una spolverata di curcuma, e l’altra metà invece conditela con un po’ di sale e della paprika affumicata di cui io vado matta perché rende gustoso ogni piatto, sopratutto quelli di legumi.

A questo punto se volete un gattò molto soffice e cremoso aggiungete qualche cucchiaio di panna vegetale a entrambi gli impasti, io ho evitato, per non eccedere coi grassi.

Mettete in una teglia da fornetto 2-3 cucchiai di olio evo e adagiatevi, livellando bene, il primo impasto, quello al timo. Se lo preferite low fat, niente olio, ma foderate una teglia con carta forno bagnata e strizzata. 

Affettate del formaggio vegan filante (io uso violife) e disponetelo sull’impasto in teglia.  

Versatevi sopra l’altro impasto, quello rosa, e livellate bene. Cospargete di nocciole tritate e informate a 180 gradi finché la superficie non sarà ben dorata.

Accompagnate da una bella insalatina primaverile di radicchi. Tiepido o freddo è ugualmente buono.

P.S. È anche glutenfree!

Pasta cui fasuli e piparuli cruski

Standard

Eccovi la ricetta della pasta e fagioli lucana:
Dose x 4 persone:

200gr fagioli bio 

350 gr pasta di grano duro

4 zafarani (peperoni dolci di Senise)

Sale marino

Olio evo

Sedano e carota due pezzetti 

Timo, nepitella, erbe aromatiche a piacere

Veg parmigiano
Innanzitutto la pasta deve essere preferibilmente di grano duro e fatta in casa. Io ho usato gnocchetti bicolore, agli spinaci e normali, regalatemi dalla mia cara amica Enza di Lagonegro.

I fagioli buoni e bio, i miei erano quelli di Sarconi, paese montano sopra Lagonegro, varietà “munachedda”, ma vanno bene quelli che preferite, purché saporiti.

Ho messo a mollo i fagioli la sera prima con alga kombu (come da buona prassi vegana e macrobiotica, poiché l’alga kombu non ne altera il sapore e li rende più digeribili).

La mattina, dopo aver buttato l’acqua di ammollo ma lasciato la kombu, ho aggiunto abbondante acqua pulita, un pezzetto di sedano, uno di carota, erbette aromatiche a piacere e  ne ho avviato la cottura in pentola di acciaio con doppio fondo. Dopo mezz’ora che bollivano ho spento il fornello, coperto il recipiente e avvolto bene in un canovaccio, così la cottura è proseguita senza fuoco, con notevole risparmio di gas, e di tempo per chi deve andare al lavoro.

La sera, verificato che i fagioli fossero perfettamente cotti, li ho portati ad ebollizione nella loro acqua, ho aggiunto sale e ho buttato la pasta. 

Nel frattempo in un pentolino ho messo olio evo e ho preparato gli zafarani cruski, ossia ho reso croccanti degli squisiti peperoni dolci di Senise. Ho adagiato i peperoni su dei fogli di carta da fritto e nello stesso olio ho messo un cucchiaio di peperone dolce di Senise macinato, l’ho fatto soffriggere qualche secondo e l’ho versato nella pentola di pasta e fagioli ormai cotta. Ho fatto “riposare” la pasta come da tradizione, ho guarnito il piatto con i peperoni cruski e del peperoncino fresco piccante ed ho servito.

E poiché adoro il parmigiano vegano ne ho messo una generosa manciata sopra.

Buon Appetito! E buona domenica in semplicità 😃.

P.S. Quando la preparate preparatene in abbondanza che il giorno dopo ripassata in padella è ancora più buona 😉

Simil panadas al tofu, verdure e béchamel 

Standard

Girando per il web si incontrano tante belle ricette e questa tipica sarda è una delle tante che mi ha ispirato.

Le panadas sono delle tortine salate che fanno parte della tradizione sarda e sono in genere ripiene di carne, noi ovviamente le veganizziamo riempiendole di verdure. Il mio è solo uno spunto, poi sbizzarritevi voi!

Ingredienti per 6 tortine:

Per la sfoglia:

300 gr di farina (150 di semola rimacinata di grano duro e 150 integrale o del tipo che preferite)

105 ml di olio evo

1 pizzico di sale dell’Himalaya 

Acqua calda q.b. 

Per il ripieno:

100 gr di tofu

Acqua

olio evo

2 patate piccole

Cavolfiore romano

Timo

Semi vari (zucca, girasole, papavero..)

200 ml Latte di avena 

1 cucchiaio di amido di mais

Noce moscata

Mescolate innanzitutto farina e olio  e il pizzico di sale e poi aggiungete lentamente acqua, continuando a impastare fino ad ottenere un panetto morbido e non appiccicoso che metterete a riposare al fresco, o in frigor, avvolto nella pellicola.
Nel frattempo lavate il cavolfiore, tagliatelo secondo le cimette che ha e cuocetelo al vapore. In una padella mettete acqua e olio e aggiungete le patate tagliate a pezzettini con un pizzico generoso di timo, niente sale, non servirà. Quando la patata sarà intenerita, aggiungete le cimette e fate insaporire il tutto. Devono rimanere al dente. Io ho usato le patate rosse bio di Cetìca recentemente acquistate in Toscana.

Preparare la salsa béchamel con latte di avena, olio evo e 1 cucchiai di amido di mais. La ricetta dettagliata la trovate qui. Quando sarà addensata, togliete dal fuoco e fatevi una bella grattugiata di noce moscata. Lasciate intiepidire.

Preparate il tofu saltandolo in padella con olio evo, acqua e shoyu, la ricetta qui.

Ungete con olio evo dei pirottini di alluminio e spolverateli con della farina di mais o di grano duro.

Prendete la vostra sfoglia e tiratela sull’asse, non vi servirà farina, non attaccherà al ripiano, dello spessore di 3-5 mm, io personalmente la preferisco sottile. Tagliate dei tondi di pasta più grandi del vostro pirottino e inseriteli all’interno, foderandolo. Disponete dei pezzettini di tofu sul fondo, una cimetta di cavolo e le patate. Riempite i vuoti con la besciamella. 

A questo punto potete spolverate la superficie con semi di vostro gradimento oppure coprirla con un disco di pasta. La prossima volta mi cimenterò nella chiusura tipica delle panadas, fatta a cordoncino che è veramente carina ☺️

Infornate a 170 gradi per 30 min o comunque finché la superficie non è color terra di Siena.

Servite calde e buon appetito! La panada si può fare anche grande e può essere un ottimo piatto pasquale 😉

P.S. Un grazie a Giuli e Ale per l’ispirazione 😍

Polpette ispirate

Standard

Ricetta per tutti gli amanti delle polpette e del riciclo!
P.S. Gaia, so già che amerai molto questa nuova ricetta di polpette al forno 😉
La mia trae ispirazione da quella degli amici di Povero Vegano ed è il modo migliore per riciclare l’okara di soia che vi è avanzato dal vostro latte di soia home made, e i residui dei vostri succhi di verdure.
Sono polpette proteiche, in quanto contengono le proteine della soia, e sono economiche perché permettono di riciclare avanzi che altrimenti butteremmo!

Ingredienti:
100 gr di okara di soia
Residui di “centrifugato” di verdure misto (carota, sedano, spinaci, bieta..) q.b.
1 patata lessa
Menta
Timo
Basilico
Zenzero grattugiato
Buccia di limone grattugiata
3-4 cucchiai di farina di ceci
Pepe
Spezie
Sale dell’ Himalaya
Curcuma q.b.
Olio evo

Salsa da pucciare:
Shoyu
Acqua
Zenzero grattugiato

Ho messo “centrifugato”, tra virgolette, perché io ho un estrattore di succo, non una centrifuga, da cui estraggo le mie bevande vegetali. La differenza rispetto alla centrifuga è che lavora ad un numero di giri molto basso (dai 60 agli 80 al minuto) in questo modo gli enzimi e le vitamine, che sono termolabili, non si bruciano e la vostra bevanda può trasmettervi tutti i benefici della verdura fresca intatta.

Mescolate insieme tutti gli ingredienti, esclusi quelli della salsa che preparerete mentre le polpette sono in forno, aggiungendo i residui di verdure nella quantità che desiderate, un patata bollita e schiacciata per legare meglio il tutto, spezie di vostro gradimento, un po’ di curcuma per dare un bel colore giallo ocra alla polpetta, menta e basilico freschi spezzettati a mano, e farina di ceci nella quantità giusta a rendere modellabile l’impasto.

Formate delle piccole palline e disponetele su una teglia precedentemente ricoperta di carta forno. Versate un filo d’olio sulle polpette e infornate a 200 gradi per 20-30 min, ricordandovi di girarle a metà cottura.

Servitele tiepide con il vostro puccino di shoyu, acqua e zenzero in cui le tufferete prima di mangiarle, oppure accompagnatele con della mayovegan.
Il loro sapore sarà molto delicato e il puccino gli conferirà una sapore più deciso, oltre a renderle ancora più digeribili!