Frittelle indiane con salsa jap

Standard

Un bel cavolfiore bio cotto pochi minuti in cestello di bambù e diventato tenero come il burro. A me le verdure piacciono al dente e dunque che farci? Delle meravigliose frittelle!

Ingredienti:

1 cavolfiore piccolo

50 gr farina di ceci 

Acqua

Curcuma

Pepe

Spezie masala mix

Olio evo 

Per la salsa jap:

4 cucchiaini di Tahina

1/2 cucchiaino di purea di umeboshi 

Procedimento:

Preparate una pastella con una parte di farina di ceci e due di acqua, un cucchiaino di curcuma, una macinata di pepe e un pizzico di sale marino. Sbattere bene e far riposare almeno mezz’ora. Nel frattempo schiacciate il cavolfiore con una forchetta e tenete da parte. Unire il cavolfiore schiacciato alla pastella, aggiungere un po’ di masala mix o altre spezie indiane a piacere, regolare di sale.
In una padella versatedue dita di olio evo e quando è caldo adagiatevi dei cucchiai di pastella. Far dorare bene da entrambe le parti, devono avere una bella crosticina croccante, e mettete a sgocciolare su della carta assorbente. 

In una ciotolina mescolare 4 cucchiaini di tahine con mezzo di patè di umeboshi. L’umeboshi renderà il fritto più digeribile.

Servite le frittelle indiane calde con la salsa jap e dell’insalata fresca. Io le ho accompagnate con del succo di mela freddo. 

Annunci

Fiori di zucca alle tre farine

Standard

Oggi il mio amico Antonio mi ha regalato dei fiori di zucca, i primi della stagione per me! A causa del brutto tempo di questi giorni si erano un po’ sciupati e non potevo prepararli crudi, ho dovuto ripiegare sulla loro preparazione più comune, variandola un po’: ho aggiunto il colore giallo cadmio della curcuma e il profumo del basilico fresco.

Ingredienti:

Fiori di zucca
50 gr di Farina integrale bio
50 gr di Farina di mais fioretto bio
50 gr di Farina di riso integrale bio
Birra
Sale dell’Himalaya
1 cucchiaino di Curcuma
Pepe
Olio evo
Basilico fresco

Pulire bene i fiori, scuoterli e metterli da parte.
Preparare la pastella con le tre farine, un po’ di birra, un pizzico di sale, un cucchiaino di curcuma e un po’ di acqua. Mescolare e aggiungere il basilico, spezzettato con le mani, facendola riposare un po’.
Mettere in una padella un po’ di olio evo, giusto a coprire il fondo, e far scaldare.
Pastellare i fiori e metterli in padella.
Farli dorare da entrambe le parti e prima di servirli metterli a sgocciolare un po’ su carta assorbente, anche se di olio non ne avranno assorbito.
Servire caldi con sopra una macinata di pepe verde e una di sale dell’Himalaya, accompagnando sempre con una insalata verde fresca condita con limone.

Ops, dimenticavo, perché usare tre farine? Perché l’integrale è da sostituire alla bianca che ormai abbiamo imparato fa malissimo, quella di riso dà una croccantezza speciale, e quella di mais un sapore più gustoso.
Buona estate a tutti!