Crêpes affogate

Standard

Una ricetta semplice e veloce fatta in 5 minuti mentre pregustavo come mangiare lo sciroppo di acero comprato pochi giorni fa. Che buono che è! Sarà la mia nuova droga!

Le crêpes sono senza glutine, senza grassi, senza uovo e senza latte ma veramente deliziose! Potete farcirle di frutta, di creme, di crema della volpe, affogarle di gelato, o addirittura fare abbinamenti salati perché l’impasto è neutro.

Dosi per circa 4 crêpes:

4 cucchiai di farina di riso integrale

4 cucchiai di farina di grano saraceno 

1 pizzico di sale

1 pizzico di bicarbonato

Latte vegetale q.b.

1 cucchiaino Olio evo 

Scaglie di mandorle o granella di frutta secca
Mescolate le farine con il sale e il bicarbonato e aggiungere lentamente il latte vegetale mescolando con una frusta.

Far riposare qualche minuto l’impasto, e se necessario perché addensato, aggiungere un altro po’ di latte vegetale.

Con un pennellino ungete un padellino antiaderente con olio evo, far scaldare e versare un cucchiaio di pastella. Far cuocere bene su entrambi i lati, girando solo quando si sarà formata la crosticina. Ogni volta che spadellate una crêpes, prima di versare nuovo impasto ungete il padellino con il pennello.

Trasferire via via le crêpes in un piattino facendo una pila di 4. Piegate a libro e cospargete di sciroppo d’acero e mandorle a scaglie.


Mangiatele ancora calde, e sappiatemi dire! 😉 la mia Renèe ha detto ok!!! 🐱

Buona domenica cruelty free 🙏🏻💚

Annunci

Ciambelline Astrid

Standard

La ricetta di questa ciambellina friabile e saporita giunge a me attraverso Giulia, compagna di Shiatsu, non vegana ma bravissima a cucinare vegano. Io l’ho modificata un po’ e l’ho dedicata a una persona molto speciale, che mi ha voluto bene dal primo momento e che mi dà sempre degli abbracci unici al mondo!
Questo biscotto si fa partendo da un cilindretto di impasto, quello che in ceramica si chiama colombino o cercine, e poi si uniscono le due estremità a creare una ciambellina, proprio come in un abbraccio ❤️

Ho sostituito la farina 00 della ricetta di Giulia con quella di tipo 2, riservandone una parte di grano saraceno, perché così acquistano un gusto più rustico e sono più friabili.
Ottimo con il the, poco dolci, e quel poco di zucchero di canna integrale che hanno li rende piacevoli a tutti i palati, anche quelli onni 😉

Ingredienti;
750 gr di farina (600 di tipo 2 e 150 di grano saraceno)
1 pizzico di sale
150 gr zucchero canna mascobado
250 ml olio di semi girasole bio, deodorato
250 ml di vino bianco secco
anice a piacere (io ne metto 3 cucchiai)
Zucchero di canna e un pizzico di vaniglia raw per la copertura.

Inserire tutti gli ingredienti nell’impastatrice, a velocità 2 e impastare finche il composto non appare liscio e compatto, morbido ma non appiccicoso. Mettere l’impasto su una spianatoia, fare una palla e tagliarne dei pezzi.
Con le mani formare dei colombini di diametro a piacere, io li preferisco di 1,5 cm e che poi unirete alle estremità per dare la forma a ciambellina.
Intingere il biscotto da un solo lato nello zucchero di canna e infornare per circa 15 minuti a 180 gradi in forno ventilato, precedentemente portato a temperatura, finché non diventano dorati.
Attenzione: come tutte le ricette di questo blog, anche questi danno dipendenza, non riuscirete a mangiarne meno di tre! 😊 buonissimi! Brava Giulia 🙏