Petit non-beurre crudisti 

Standard

 
 

Con un bellissimo stampo per biscotti originale francese, di colore viola, che potevo farci? Ma dei biscotti crudisti, certamente!In verità avevo anche 200gr di okara di mandorle da smaltire e non volevo farci la solita ricrudina.

Sono semplici e veloci, il resto lo fa l’essiccatore 😉

Ingredienti per circa 10 biscrudi 😜:

200 gr di okara di mandorle

3-4 datteri morbidi tipo sukkari 

una manciata di mirtilli rossi al naturale non zuccherati (40 gr)

un cucchiaio di pinoli

50 gr di cacao amaro equo e solidale non potassato

1 pizzico di sale integrale

1 cucchiaino di vaniglia raw

N.B. Potete utilizzare la frutta secca e oleosa che preferite, io avevo una voglia smodata di mirtilli rossi e ho aggiunto un po’ di semi di canapa decorticati e dei cacao nibs, così, a occhio 😜
Frullare l’okara di mandorle (residuo del vostro latte di mandorle ben strizzato) con i datteri.  Aggiungere gli altri ingredienti e se vi sembra un po’ soda, anche un goccio di latte di mandorle.

Date ai biscotti la forma che volete e metteteli nell’essiccatore a 45 gradi per circa 12 ore, dipende dall’altezza del biscotto. Io li ho fatti di sera e stamani avevo un profumo di cioccolato e vaniglia che si spandeva per tutta la cucina ❤️

Sono buonissimi, energetici, senza zucchero e senza glutine!

  
  

Annunci

Budini di riso

Standard

Stamani sono stata ispirata da una ricetta di Creando si impara, e su invito di una ragazza del gruppo ho provato a veganizzarla.
Ecco il risultato:
Dose per circa 30 tortine
Ingredienti:

300 gr di riso carnaroli (io ho usato quello buonissimo senza pesticidi, nè acaricidi della Piana di Sibari)
1 Lit latte di soia (o di mandorle)
1 pizzico di sale dell’Himalaya
La buccia di un limone bio grattugiata
2 cucchiai di farina di riso
150 gr di zucchero di canna
La punta di un cucchiaino di vaniglia raw
1 cucchiaino di curcuma per dare colore
80 gr di uvetta secca bio o meglio ancora di mirtilli rossi secchi
100 gr di panna di cocco (si può anche omettere)
Scaglie di mandorle e granella di pistacchi per guarnire.

Lavate bene il riso, scolatelo e mettetelo a cuocere sul fornello piccolo, al minimo, con il latte di soia, la buccia di limone grattugiata, e un pizzico di sale. Girate spesso perché tenderà ad attaccarsi.
A 2/3 della cottura aggiungete i due cucchiai di farina di riso a pioggia, la curcuma, lo zucchero e la vaniglia raw e girate bene. Sarà cotto quando tutto il latte di soia si sarà assorbito.

Lasciate intiepidire e nel frattempo montate la panna di cocco che preleverete delicatamente dal vostro barattolino dopo averlo tenuto una notte in frigor.

Aggiungete all’impasto l’uvetta precedentemente ammollata e la panna di cocco montata. Quest’ultima serve a conferire la parte grassa al nostro budino, se lo vogliamo più light possiamo anche ometterla.

Versate l’impasto negli stampini o in uno stampo unico. Spolverate con granella di pistacchio e scaglie di mandorle. Cuocete a 170 gradi per circa 25 min se sono le tortine, 35 min se è uno stampo più grande; la superficie dovrà essere dorata.

Questo tipo di riso, consigliatomi dal mio caro Alberto, tiene benissimo la cottura assorbendo perfettamente i liquidi: il risultato è un chicco cotto, ben definito e di conseguenza un budino non colloso! Una meraviglia delicata e nutriente.

Servite tiepido o freddo, cosparso di zucchero di canna passato nel trita spezie e reso impalpabile.

Grazie Nadia! ❤️

IMG_0567

IMG_0570